La Russia, causa la follia di Putin in guerra non potrà più esportare il caviale nel mondo. Adamas Pandino e Calvisius Brescia pronti a soddisfare nuovi ordini

La Russia, causa la follia di Putin in guerra non potrà più esportare il caviale nel mondo. Adamas Pandino e Calvisius Brescia pronti a soddisfare nuovi ordini
La speranza è che l’assurda, evitabile, sanguinosa e tragica guerra tra la Russia e l’Ucraina finisca al più presto. Intanto gli Stati Uniti imporranno il divieto di import da Mosca di bevande alcoliche, pesce e diamanti. Tolta l’ultima voce, la messa al bando riguarda principalmente caviale e vodka vale a dire le eccellenze del lusso targato Russia conosciute nel mondo ma che nella bilancia commerciale tra i due Paesi non figurano certo ai primissimi posti.
Ebbene, paradossalmente a beneficiare dello “sgarbo” di Biden a Putin potrebbe essere l’Italia: dagli anni ‘90 del secolo scorso si è infatti sviluppato un polo di itticoltura e produzione in provincia di Brescia che è progressivamente cresciuto fino a collocare l’Italia tra i principali esportatori mondiali di questo prodotto alimentare di lusso. Se Calvisius dalla provincia bresciana porta il suo caviale nel mondo, Cremona risponde col caviale Adamas, Eccellenza tutta italiana prodotta a Pandino, Bassa Cremonese ed esportata in ogni dove.
Per carità: da una parte è doveroso mettere all’angolo Putin e la sua politica aggressiva nei confronti dell’Ucraina, d’altro canto è triste sottolineare come divieti e proibizioni, alla lunga penalizzeranno l’economia mondiale. Cremona, Brescia e l’Italia, attraverso le realtà Adamas e Calvisius comunque sono pronti ad affrontare nuovi ordini.
stefano mauri
(Visited 20 times, 20 visits today)