L’Agi lancia l’allarme: a giugno tanti locali non apriranno. Anche le Partite Iva vanno aiutate. E i costi fissi eliminati

L’Agi lancia l’allarme: a giugno tanti locali non apriranno. Anche le Partite Iva vanno aiutate. E i costi fissi eliminati

Il 30% delle attività legate al commercio al dettaglio e alla ristorazione a giugno non sarà in condizione di ripartire e non riaprirà: per almeno un terzo degli imprenditori, la ripresa di alcuni esercizi commerciali è sconveniente sul piano economico, tenuto conto dei costi fissi che non vengono in alcun modo congelati né ridotti (affitti, utenze, tassa sui rifiuti e sul suolo pubblico). A lanciare l’allarme è il Centro studi di Unimpresa, secondo cui con la ampia crisi di questi settori, che vivono anche di lavoro nero, si aprirà un dramma sociale sul versante dell’occupazione. Questo sostiene l’Agi, l’Agenzia Giornalistica Italia. E pure il popolo delle Partite Iva merita sostegno immediato. Insomma, Emergenza sanitaria da Coronavirus e crisi economica mordono. Servono aiuti se non si possono aprire subito le saracinesche. E i costi fissi per tutto il 2020 andrebbero eliminati.

(Visited 63 times, 5 visits today)