Piergiorgio Assandri da Chicago a Soncino per la mostra del Maestro Cornini

Piergiorgio Assandri da Chicago a Soncino per la mostra del Maestro Cornini

Ingegnere aereospaziale, costretto proprio per lavorare (e lavora a un grosso, importante, rivoluzionario e misterioso progetto negli Usa) a emigrare anni fa negli Stati Uniti, precisamente a Chicago, nei giorni scorsi in Italia per una breve vacanza, Piergiorgio Assandri beh dopo aver rivisitato Firenze è stato a Soncino per visitare lo splendido, magico, romantico, misterioso e unico Borgo soncinese e la mostra del Maestro Cornini. Rientrato poi in America, Piergiorgio non ha perso l’incanto per la meravigliosa esposizione (in cartello tra Castello e Filanda fino al prossimo 28 agosto, ndr) ammirata lo scorso venerdì 13 luglio. E con lui, al telefono, nuovamente abbiamo scambiato quattro chiacchiere.

Piergiorgio che effetto ti ha fatto rivedere Soncino?

Fammi innanzitutto ringraziare la splendida e poprock Roberta Tosetti (nella foto è ripresa proprio con Piergiorgio e con alcune statue del Cornini, ndr), gentilissima padrona di casa, e l’altrettanto disponibile Emanuela Pelosi per avermi concesso l’onore di visitare con loro, quell’incredibile gioiello che è l’installazione delle statue del geniale Marco Cornini, artista rivoluzionario, nell’incredibile realtà soncinese. Arte, cultura, sensualità e magia, attraverso la creta elaborata dal Maestro, creano fantastiche emozioni che incantano e non stancano. Sì è il genio della sensualità rappresentata sotto forma di statue alle quali, ecco praticamente manca solo la parola. Ah applausi all’imprenditore Umberto Cabini, lungimirante esteta – mecenate che sta facendo, ben sostenuto dalla giunta comunale, dal sindaco Gallina e da Roberta, cose immense per il mondo tra i soncinesi.

Sei già a Chicago ti manca il Granducato del Tortello?

Ovviamente ma soprattutto mi manca, fammelo sottolineare nuovamente, Soncino bella realtà dell’Italia del Fare che il mondo ci deve invidiare.

Allora a Natale quando risarai dei nostri ritorniamo all’Ombra del Castello Sforzesco soncinese?

Certamente e voglio assaggiare un piatto a base di radici, specialità del posto magari accompagnata alla birra soncinese e mi devi portare a vedere altre unicità soncinesi che Il Borgo è ricchissimo in tal senso, capito?

Ma non vuoi proprio dirci nulla in merito ai tuoi lavori statunitensi?

Top Secret e adesso ti saluto che se chiudo gli occhi mi pare di essere tuttora tra le sublimi statue del Cornini. Ah … che emozione Soncino!

Stefano Mauri

 

(Visited 157 times, 2 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.