Roberta Schira e il segreto per preparare e servire un buon pesto … buono e bello da verdersi. Chapeau!

Roberta Schira e il segreto per preparare e servire un buon pesto … buono e bello da verdersi. Chapeau!

Provo quasi imbarazzo a suggerire che a un buon pesto bisogna giungere un cubetto di ghiaccio. É l’unico modo per non vederselo scuro scuro nel piatto come questo ordinato in una trattoria ligure. E fotografato senza filtro per abbellirlo. Per fortuna, il cuoco intelligente ha capito perché abbiamo mandato indietro il piatto e ha raccolto il suggerimento. Nel mortaio, del resto lo faccio anche io raramente e le lame scaldano e velocizzano l’ossidazione. Ecco perché il ghiaccio aggiunto durante la preparazione. A me lo aveva insegnato Sadler un po’ di lustri fa. Pagine e pagine sono state scritte su questa salsa preziosa. Preziosa non solo per la sua bontà, se si pensa che i pinoli veri costano 6/9 euro all’etto, un buon olio extravergine, aglio rosato e grana di qualità hanno il loro giusto prezzo e poi ci vuole sapienza costruita nel tempo per azzeccate la giusta proporzione. Voi lo amate, il pesto? Insomma un condimento difficilissimo che mi riporta a dire una frase che dico sempre ai miei alunni: “ la semplicità é complessità risolta”.

Così postò sulla sua pagina Facebook nei giorni scorsi Roberta Schira, giornalista, scrittrice, gourmet, insegnante, critica gastronomica, opinionista e, soprattutto, Eccellenza Cremasca da esportazione. Chapeau!

Stefano mauri

(Visited 38 times, 5 visits today)