Serena di Rifo, quegli atti di violenta propaganda fascista che non hanno adeguata attenzione

Serena di Rifo, quegli atti di violenta propaganda fascista che non hanno adeguata attenzione

Nelle prime ore della mattina di sabato 6 febbraio edifici simbolo e strade del quartiere Sabbioni in Crema sono state imbrattate con scritte fasciste e naziste a sfondo razzista, all’ingresso della sede USB sono visibili simboli riconducibili a Forza Nuova, questi atti sono stati segnalati alle autorità. La nostra solidarietà verso Usb. Segnalo inoltre che a Vailate in via Dante Alighieri noto una bandiera con effigi fasciste fieramente esposta, proprio in una posizione ben
visibile ai bambini che escono dalla scuola del paese. Naturalmente segnalo ai carabinieri del paese che mi confermano di aver già ricevuto segnalazioni in merito.

La nostra ferma accusa come Federazione Cremasca di Rifondazione Comunista ai crescenti atti di violenza e propaganda di ispirazione fascista, ci rammarichiamo però che simili atti  non abbiano adeguata attenzione, vista anche la risposta imbarazzante del ministro degli interni Alfano sulle informative delle forze dell’ordine inerente agli atti di violenza connessi alla organizzazione di fascisti del terzo millenio denominata Casa Pound, informativa che tratta i militanti alla stregua di bravi ragazzi con finalità sociali, Alfano purtroppo liquida la vicenda richiamando la teoria  degli opposti estremismi ben sapendo che spesso le violenze si accaniscono verso senzatetto, immigrati, portatori di handicap e persone inermi, anche loro estremisti?

Se dai vertici dello Stato giungono tali messaggi di sottovalutazione e assoluzione non stupiamoci che organizzazioni e singoli fascisti si sentano legittimati a rialzare la testa e perpretare atti che ritenevamo sepolti.

Andrea Serena Segretario Federazione Cremasca Rifondazione Comunista

(Visited 38 times, 9 visits today)