Via social il Maestro Loris Braga sottolinea una questione musicale post sanremese: “Abbiamo davvero bisogno di Brividi”

Via social il Maestro Loris Braga sottolinea una questione musicale post sanremese: “Abbiamo davvero bisogno di Brividi”

Abbiamo passato tutto il post ‘68 ad imitare i generi musicali “giovani” sperando di attirare i giovani in Chiesa. Non aveva fatto in tempo ad uscire Jesus Christ Superstar che già entrava in repertorio un “Santo” sulle note di The Last Supper. Infatti oggi, nelle parrocchie, c’è un buco generazionale che va dai ragazzi post Cresima (per ora i Sacramenti tengono ancora i giovani aggregati almeno fino ai 12 anni) ai sessantacinquenni. Fate due conti…
La forma è sostanza, inutile mentire. E in chiesa l’abito lo fa eccóme il monaco. Viviamo un’epoca in cui pochi sacerdoti eroi trovano nella forma anche il veicolo per la sostanza, mentre tutto intorno è trascuratezza e noncuranza in virtù di una “semplificazione” che altri non è che pigrizia. I giovani vanno abituati al “bello”, esso non si trova nell’imitazione sghemba del loro linguaggio, quello lo sanno già fare meglio di noi. Il “bello” è intatto da secoli, e ci sono ottimi motivi per cui 250 anni dopo le messe di Mozart vengono ancora eseguite. E ci sono ottimi motivi per cui dopo 400 anni vengono ancora eseguiti anche i mottetti di Palestrina. Abbiamo davvero bisogno di “Brividi?”

… Look at all my trials and tribulations
Sinking in a gentle pool of wine…

 

Così postò via social il Maestro Loris Braga: musicista e direttore d’orchestra sempre sul pezzo e mani banale…

sm

(Visited 6 times, 6 visits today)