Arrigo Barbaglio, il “Foto Fumettista” che espone nella “Milano di Renzo Piano”

Arrigo Barbaglio, il “Foto Fumettista” che espone nella “Milano di Renzo Piano”

Fino a sabato 17 marzo, l’artista, fotografo, fumettista, scrittore e viaggiatore Arrigo Barbaglio, con l’esposizione “Talking Sky”, udite, udite … 24 ore al giorno, quindi con la mostra sempre aperta, è presente con le sue fotografie a Milano, presso lo spazio espositivo PwC in via Monte Rosa 9.

Con lui abbiamo scambiato quattro chiacchiere.

Com’è strutturata la tua esposizione?

In uno spazio aperto, o meglio, in un luminoso open space progettato dal grande Renzo Piano, alcune mie fotografie tratte dal libro, ma non solo, “Inseguendo i segni del cielo” caratterizzano l’esposizione “Talking Sky”: venti fotografie giganti che tra spiritualità, mostri, angeli, visioni geometriche, emozioni e creatività rimetteranno in moto la nostra fantasia. Visitare per credere.

Insomma continui a parlare alto, col cielo. Proprio non ti piace la terra?

Ti rispondo anticipando che uno dei miei prossimi libri in uscita, dal titolo “Gli abitanti delle nuvole”, in un certo senso parlerà di cose anche terrene. Ma ti anticipo, scusa il gioco di parole, che quello che si vede da lassù, con guerre e cattiverie sulla terra, beh non è un bello spettacolo.

E come ti senti, da artista visionario quale sei, sì ad esporre nel quartier generale del Sole 24 Ore, dato che la location espositiva che ti ospita, tra le varie cose dà ospitalità appunto alla redazione del “Sole” e di Radio 24?

Sono curioso, emozionato e onorato di trovare ospitalità nell’importante, variegato e qualificato palazzo ideato dall’architetto Piano. Sai la porzione dell’immobile che vede protagoniste le mie fotografie, i mei fotofumetti si chiama “Creative Thinking Space”. Ergo creatività, arte, emozioni e cultura funzionano sempre. Pure con il mondo forte della finanza.  Parola di Arrigo Barbaglio.

Stefano Mauri

 

(Visited 158 times, 19 visits today)