Caritas, raccolta fondi pro emergenza alluvioni Africa australe

Caritas, raccolta fondi pro emergenza  alluvioni Africa australe

Caritas Crema aderisce alla raccolta fondi pro emergenza ciclone Idai che il 14 marzo scorso s’è abbattuto sulle coste del Mozambico, andando poi a scaricarsi anche in alcune zone del Malawi e la parte centrale dello Zimbabwe, provocando oltre 900 vittime, qualche migliaio di dispersi e quasi 2 milioni di sfollati.

La violenta tempesta ha devastato vaste aree di terre coltivate, distrutto irreparabilmente tantissime abitazioni e strutture, lasciando diverse zone a tutt’oggi isolate e difficilmente raggiungibili dai soccorsi.

Le agenzie internazionali, subito accorse sul posto stanno rafforzando i primi interventi, per tentare di scongiurare l’esplodere dell’epidemia di colera nei centri colpiti dalle alluvioni, dove manca acqua potabile.

L’area in cui la furia di vento e pioggia s’è scatenata con maggiore intensità è in Mozambico, con oltre  mezzo milione di persone che sono state costrette a evacuare e si contano 600 morti. La città più colpita è Beira, pressoché completamente devastata e raggiungibile solo via mare e aerea.

Nello Zimbabwue inondazioni e frane hanno messo a rischio  270 mila persone, di cui 100 mila sfollate e bisognose di assistenza. Mentre in Malawi sono 920 mila i colpiti da allagamenti e oltre 800 mila gli evacuati. Il numero delle vittime in questi due Paesi è al momento di circa 260 e 60.

I tutti e tre i paesi sono sotto controllo costante le dighe, per evitare ulteriori straripamenti e allagamenti.

“Le Caritas locali – riferisce Fabrizio Motta, referente per la Mondialità di Caritas Crema – si sono attivate immediatamente  mettendo a disposizione degli sfollati le chiese e le strutture scolastiche cattoliche rimaste in piedi. Hanno inoltre promosso raccolte straordinarie di generi di prima necessità e per l’igiene.”

La Caritas Italiana è dall’inizio dell’emergenza in costante contatto con quelle del posto e l’Internazionalis, nonché con alcune congregazioni religiose presenti in Mozambico e Malawi, per coordinare l’invio di aiuti realmente necessari. Intanto il 26 marzo la Conferenza episcopale italiana ha stanziato 1 milione di euro a sostegno delle popolazioni colpite.

“Come Caritas Crema – fa osservare Fabrizio Motta  – abbiamo scelto di promuovere una raccolta fondi per acquistare: beni alimentari, kit igienico-sanitari, fornitura acqua potabile, kit con utensili da cucina e ripari di urgenza.”

Chi intendesse aderire all’iniziativa può farlo tramite bonifico bancario sul conto corrente intestato a Diocesi di Crema – Ufficio Caritas, IBAN: IT05K0335901600100000128448 indicando  causale “Emergenza Mozambico”; oppure recandosi a versare direttamente la propria offerta presso l’Ufficio Caritas, in curia, al mattino.

(Visited 13 times, 2 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *