Circol Mastì, abbiamo parlato con il misterioso duo che ironizza su Crema facendo hiphop

Circol Mastì, abbiamo parlato con il misterioso duo che ironizza su Crema facendo hiphop

Dopo la pubblicazione della notizia della loro nascita, con il link che portava al loro primo pezzo, in tanti ci hanno chiesto: ma chi sono i Circol Mastì? L’ironia pungente della canzone, un hiphop rap che ironizza sui tanti problemi della Città Giocattolo, ha portato in molti a vedere lo stile del sito.

Intanto il pezzo si intitola Crema favela, e ve ne proponiamo l’intero testo in calce, lo hanno appena pubblicato sulla loro pagina Facebook. Ma rimane la domanda: chi sono? Non è facile rispondere. Li abbiamo contattati via chat e abbiamo chiacchierato un po’.

“Siamo un duo rap e siamo anonimi, abbiamo 19 e 24 anni e la gente scoprirà chi siamo veramente solo quando ci daranno finalmente un palco su cui cantare. Ma forse non succederà mai perché il rap, l’hip hop e la break non sono cose da piccole città giocattolo”.

Visto quello che è successo lo scorso fine settimana con il successo dello Shire Music Festival, ve lo racconteremo presto a nostro modo, forse non è così. Poi l’intelligenza e l’ironia vanno sempre premiate. Per cui cercheremo di collaborare con questo duo per farli emergere.

Intanto non sono fermi alla sola Crema Favela:

“Stiamo lavorando a 2 pezzi nuovi ma non sappiamo quando saranno pronti, potremmo pensare ad un esordio quando avremo un bel set da proporre”.

Per ora e tutto. Eccovi il testo della intelligente Crema Favela

 

C-R-E-M-A

A dìle oena a la olta, figa se l’è cumplicàt

Crèma l’è bèla, sciampagn a scüdèla

pasà ‘nsœle strade con la radio a canèla.

Prima ghera la mala, adès ‘nsœ la strada

troet al màasem ‘na zabeta che ta cünta ’n bala.

Ché gh’è mia i gangsta gh’è i malandrì

se ta arde ’n fàcia ta fo stremì

Nuàltre ché sa parla ‘ndoma a parulase

nualtre sem toi roi, vualtre tœ’ ruiase.

St’atént gagèt che ta fo ‘l dissin ocio neh!

St’atént gagèt che ta fo ‘l dissin ocio neh!

Su fem stesera? Quatre pàse e ‘n gelatì,

a’nanc e ndrè cumè i pulèc an via Mažì.

Ma par che ghè argòt an piàsa,

ghè ‘n sac da zent che i vàrda e i pasa.

Se gh’è al cuncert – varde al cuncert.

Se gh è i turtei – mange i turtei.

Se gh é la mèsa – ciape la mèsa.

Se i vént argot – cumpre nigot

Ga maaaaaaanca che i tire fò per diertis!

Con chel che paghe da Tasi i g’ha de fam apoa i barbis!

St’atént gagèt che ta fo ‘l dissin ocio neh!

St’atént gagèt che ta fo ‘l dissin ocio neh!

Ciàpe la pèna per scrif an vèrs

Val mia la péna so trop anvèrs

Sa arde ‘nturne, che zent gh’è in gir

ma manca ‘l fiàt, ma croda i pir.

Mai nisü che salüda tœc a dàs impurtansa

gh’et la crapa marüda o ‘l cervèl ‘ndala pansa?!

Ta ma fet pura? Ma va a gnàde!

So ché che ma trèma l’urladel da le braghe.

Chèl che scrie t’al set, t’al sentet vif

da porta Sère, al Cantù dal Fümì!

St’atént gagèt che ta fo ‘l dissin ocio neh!

St’atént gagèt che ta fo ‘l dissin ocio neh!

E a chèl pun ché da la cansù, ta gares da piantaga

‘na bèla meludia, ma mia trop sufisticada.

la-la-la la-la la la-laaaaaaa

Frega ’n caso da fa i solc, me ‘l fo mia per campà,

a me ’n terèsa ‘ndoma da spertegà!

Sindec ostis su t’ho fai da mal

ta ghet metìt al multavelos ‘nsœla tangensial!

Ades se pase i setanta, pota ciàpe la mülta

po’ se ga n’ho mia culpa, gh’è nisü che m’asculta!

stòpa le büse! stòpa le büse!

putost che fa’ quàtre pàs smòrse al mutür e po’ rüse

nèta per tèra! nèta per tera!

ma dènte ‘n dal sèc mè te mète la gèra

nèta i giardì, càsei a legnade i balurdù

che po’ sto istès an cà, ma bel tranquìl ‘ndal mè cantù

St’atént gagèt che ta fo ‘l dissin ocio neh!

St’atént gagèt che ta fo ‘l dissin ocio neh!

Me Foeme le cane? Te manget le rane!

ta et fora da cesa e po’ a ciülà le pütane.

Sa dièrtet a Crèma, podet vès sempre alegre

se ‘l tò müs l’è cremasc e l’è mia chèl d’un nigre!

E parliga mia da singuen e urientai

che i porta la rogna e che t’i roba i bagai

e ‘l mé murùs che ‘l staa al da là dal Sère

i l’ha metìt an crus cume uregiù da le gère.

Che bèla Crèma, che brao ‘l gagèt

ma che ‘l sa tègn strèt la sò giachèta e l’uchèt.

St’atént gagèt che ta fo ‘l dissin ocio neh!

St’atént gagèt che ta fo ‘l dissin ocio neh!

(Visited 99 times, 14 visits today)