Sanremo: la seconda serata tra analfabeti funzionali (anche a Crema), belle canzoni e carrambate

Sanremo: la seconda serata tra analfabeti funzionali (anche a Crema), belle canzoni e carrambate

Ascolti in linea con il 2018 dei record per la seconda serata di Sanremo. Nel calderone ci è finito di tutto, 12 canzoni, ospiti di livello, un po’ di comicità, carrambate… Nulla di (troppo) imbarazzante, sketch sulla punteggiatura fonetica a parte. Non si capisce perché si continui ad insitere a non utilizzare le doti comiche di Virginia Raffaele, dico davvero, quelle imitative. Ma c’è tempo. Baglioni continua a far girare i suoi pezzi come se fossero una colonna sonora di fondo comprensibile a tutti.

Evviva Sanremo. Checché ne dicano i detrattori è uno show divertente. E alla fine davvero mediamente meno trash di quello che vuol sembrare. Bisio per dire fa un piccolo siparietto citando alcuni post cattivi sui social network e prendendo un po’ in giro l’analfabetismo funzionale. Avrebbe dovuto insistere.

A proposito di Facebook. Parliamo un po’ di quello locale. Ieri sera alle 23.30, quindi ampiamente fuori da ogni orario di ufficio, il sindaco Stefania Bonaldi ha postato un innocente “#sanremo2019, io lovvo Loredana Bertè” (che sottoscriviamo pure, ma anche il pubblico all’Ariston, visto il minuto di applausi a scnea aperta). Tra i commenti qualcuno la invita a non perdere tempo con Sanremo e impegnarsi a risolvere il problema del posteggio di via Stazione che fa cagare. Fantastico. Come se a quell’ora non fosse una cittadina come gli altri e dovesse essere sindaco 24/7 e andare col badile a coprire le buche (che c’è già Gramignoli che lo fa H24). Fantastico. Come è bellissima la squadra cremasca dei commenti a Sanremo che oscilla tra una bacheca e l’altra. Proseguiremo anche nelle prossime serate. Promesso.

Stasera tocca ai 12 che hanno riposato ieri. Personalmente attendo soprattutto di risentire e rivedere Motta e i 4 che la prima sera ho visto sonnecchiando, soprattutto Irama di cui si parla un gran bene per la classifica finale. Domani con due giri fatti per tutti presumo che la Snai aggiorni le quote. Così come gira sembra probabile che nessuno della vecchia guardia possa salire sul podio. In radio intanto girano già i pezzi e devo dire che alcuni crescono. E poi venerdì c’è la serata dei duetti, e presumo che qualcuno guadagnerà parecchi punti.

Sabato sera, soprese a parte. Alcuni dei commentatori cremaschi di Facebook dovrebbero essere in diretta video sulla pagina di Sussu. Tra oggi e domani intanto nei negozi inizieranno ad arrivare Cd e vinili. Ci sono un sacco di partecipanti che hanno scelto di fare il 45 giri in vinile colorato. Quasi tutti escono l’8. L’abbiamo già raccontato. Che altro dire. Aspettiamo ancora il momento sexy sul palco.

Ma torniamo a ieri sera. Emozione per Pippo Baudo tutto canuto sul palco. Non ha cantato Il suo nome è donna Rosa, ce lo saremmo aspettati. Non si può avere tutto. Sarebbe bello che il prossimo anno per l’edizione numero 70 torni il Pippone nazionale alla condizione. Staremo a vedere nella raigrillina cosa succedera nei prossimi 365 giorni. Tutti a cantare alla fine le canzoni di Cocciante, e va bene. Pesantissima la Mannoia. Ho preferito Mengoni.

E stasera? La scaletta dice dalle 20.45 alla 1.15. I 12 cantanti che hanno ripostato ieri, già detto. E poi? Ospiti ancora tutti italiani. Attesissimo Antonello venditti. A seguire Alessandra Amoroso, Umberto Tozzi e Raf, Serena Rossi, Paolo Cevoli, Fabio Rovazzi conduttore di Sanremo Giovani 2018.

Emanuele Mandelli

 

(Visited 86 times, 9 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *