Sergnano, 6 nuove commissioni ma lo statuto è da rivedere

Sergnano, 6 nuove commissioni ma lo statuto è da rivedere

riceviamo e pubblichiamo

In questi giorni si è aperto un dibattito sulle Commissioni comunali di Sergnano.

Lo scopo di queste commissioni è quello di discutere e portare progetti all’Amministrazione comunale.

La Giunta ha deciso di istituirne 6: Ambiente, Assistenza, Biblioteca/cultura, Sport, Tempo libero e una per la frazione Trezzolasco.

La loro importanza è imprescindibile per la vita politica del paese, costituiscono un ottimo modo per la partecipazione e il coinvolgimento dei cittadini in un proficuo confronto con il Consiglio Comunale. Per questo, come Movimento 3.0, siamo consapevoli della loro importanza e anche di un loro migliore sviluppo e funzionamento. Purtroppo rileggendo lo Statuto Comunale e i regolamenti delle varie Commissioni ci siamo resi conto di forti incongruenze che necessitano una seria discussione all’interno del Consiglio.

A proposito abbiamo presentato due mozioni e un’interrogazione per il prossimo Consiglio Comunale.

Una Mozione da noi presentata riguarda la Commissione Trezzolasco che approfondiremo con un apposito articolo sul sito nei prossimi giorni. Precisiamo fin da subito che una Commissione su Trezzolasco deve essere composta solamente da residenti della frazione, maggiormente a conoscenza dei problemi che riguardano il loro territorio. È per questo che come Movimento, non avendo nessuno abitante nella frazione, abbiamo deciso di non dare la nostra disponibilità, in quanto non ci sembrava onesto e corretto. Per noi questa Commissione andrebbe del tutto rivista garantendo l’autonomia alla frazione e in merito abbiamo presentato una mozione apposita.

L’altra mozione riguarda la revisione del regolamento della commissione Ambiente votato dal Consiglio Comunale il 10-09-99. Questo regolamento è sorpassato dalle legislazioni nazionali e regionali avvenute dopo il 1999. Per questo chiediamo sostanziali modifiche sia nelle finalità , sia nella legislazione di riferimento.

Con apposito articolo affronteremo nei prossimi giorni le proposte della nostra mozione dove chiediamo di introdurre elementi importantissimi sotto forma di nuovi articoli da integrare al regolamento vigente.

Siamo convinti dell’importanza di queste modifiche anche se urge un altro serio problema riguardante le commissioni nel suo complesso e affrontato nell’interrogazione presentata.

L’interrogazione riguarda il regolamento della commissione Assistenza.

La maggioranza e il Sindaco non si sono accorti che nel regolamento Commissione Assistenza e precisamente all’art.3 si scrive: “la commissione è costituita…da 8 membri designati dai gruppi con le modalità previste all’art.35 comma 2 e 3 dello Statuto Comunale (comma 2 “ il regolamento ne disciplina il numero, la composizione nel rispetto del criterio proporzionale, il funzionamento e le attribuzioni – comma3 “i componenti le commissioni sono designati dai gruppi in modo da assicurare comunque la rappresentanza di ciascun gruppo)

Nello Statuto vigente votato da CC il 19/12/2003, all’art 35 comma 2 e 3 -sopra citato- si parla di sedute della Giunta comunale e quindi non di composizione e regolamento per le Commissioni.

Il regolamento commissione assistenza non corrisponde allo Statuto vigente e quindi è oltrepassato dalla stessa normativa comunale.

Per questo nell’interrogazione chiediamo al Sindaco di rapportare in merito a questo disguido, del perchè non è mai stato modificato un regolamento vecchio e passato. Non si sono mai accorti che l’art. 35 comma 2 e 3 citati nel regolamento commissione Assistenza fa ancora riferimento al vecchio Statuto Comunale e non a quello vigente dal 2003? Non si sono mai accorti in undici anni di questo piccolo disguido? Inoltre nell’interrogazione puntiamo su una questione molto importante: nello Statuto odierno non sono previste commissioni extraconsiliari, ma solamente commissioni in seno al Consiglio Comunale. In pratica, stando allo Statuto vigente, le commissioni dovrebbero essere fatte solamente da Consiglieri Comunali; per noi questa formulazione è del tutto sbagliata e manca del principio di partecipazione dei cittadini. Come hanno fatto a funzionare le commissioni dal 2003 ad oggi se non erano previste dallo stesso Statuto? È da far presente che neanche nel Regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale sono previste Commissioni extraconsiliari, ma solamente in seno al Consiglio Comunale.

Con questa interrogazione poniamo un semplice problema: o vengono affrontati tutti questi problemi, oppure le Commissioni che andremo a votare non saranno legittimate in partenza.

Inoltre chiediamo al Sindaco e alla nuova Amministrazione di prendere l’impegno di modificare tutti i regolamenti delle Commissioni e di regolamentare all’interno dello Statuto Comunale le Commissioni extraconsiliari.

Precisiamo fin da subito per coerenza e onestà politica che se non si andrà verso una modifica dello Statuto e una modifica dei regolamenti ci rifiuteremo di partecipare alle commissioni comunali che per noi resteranno illegittime. Inoltre metteremo in campo tutte le iniziative possibili per farle regolamentare a partire dal Difensore civico regionale.

Per ora abbiamo presentato i nostri nomi da introdurre nelle Commissioni, ma siamo disponibili da subito a ritirarli se non verranno fatte le modifiche necessarie da noi richieste al momento stesso del voto in Consiglio Comunale.

Enrico Duranti

I nomi che Movimento 3.0 propone nelle commissioni sono:

  • Commissione Ambiente- Enrico Duranti
  • Commissione Assistenza- Federica Croce
  • Commissione Biblioteca- Simona Piacentini
  • Commissione Sport- Kevin Mundackal
  • Commissione tempo libero- Margherita Podestà
(Visited 31 times, 6 visits today)