Sus…surreale, Io no che non m’incazzo

Sus…surreale, Io no che non m’incazzo

Calma e gesso, perché noi ci vogliamo bene e non intendiamo assolutamente rovinarci il fegato perché tu, brutto pirlometro, non ha risposto alla mia chiamata di picche. Perché se ti busso a picche, o grandissima testa di  cazzo, una ragione ci sarà. Ma tu no, perché al posto del cervello hai la gelatina, e giochi solo con le carte che hai in mano, senza pensare che, porca di quella tua puttana vacca, le carte sono quaranta e non le hai in mano tutte tu, ostia e poi ancora, guarda… ma vai a cagare.

Ma siccome non voglio perdere la calma, visto che a questo tavolo si sta soltanto giocando a carte, dunque non è una conferenza di pace, mi vuoi spiegare per quale motivo, brutta di quella tua maiale porca, la mano dopo mi giochi un picche? Occhio a quello che dici, perché ti tiro una badilata di traverso che quella boccia piena di segatura l’apro in due.

E il sette bello, o cazzuto monumentale! Se sforzo a quadri vuol dire che comando, no?! Morale? Ma questo qui è scemo e io me lo son trovato come socio. Morale? Cazzo, hanno fatto ori, carte, primiera e sette bello. E noi zero. Però non m’incazzo perché è soltanto un gioco, ma sappi che è vero quello che dicono sul conto dei tuoi figli, che sono delle teste di rapanello uguali al suo papà.

Dai che facciamo un’altra mano ma, bestia, all’occhio eh?!

Beppe Cerutti

(Visited 27 times, 4 visits today)