Al Ristorante con Marco e Antonio, Blog Gourmet, segnala l’Osteria locanda La Mangiatoia di Sesto ed Uniti (Cremona)

Al Ristorante con Marco e Antonio, Blog Gourmet, segnala l’Osteria locanda La Mangiatoia di Sesto ed Uniti (Cremona)

Vi diamo subito tre buoni motivi per andare a pranzo all’Osteria La Mangiatoia di Sesto ed Uniti: gli gnocchi viola, il filetto di carne di struzzo e il tiramisù con nutella.

Questi sono infatti i cavalli di battaglia dell’Osteria, situata in località Casanova del Morbasco. Ci troviamo nel cuore della campagna cremonese, a pochi minuti dal centro del capoluogo, ma già si respira quell’atmosfera intima e familiare della Provincia, che invita a lasciarsi andare a degustare i sapori semplici e genuini della cucina di campagna.

L’ambiente dell’Osteria-Locanda, ricavato da un preesistente cascinale nei primi anni 2000, è informale, ma molto intimo e accogliente, grazie anche alla sapiente gestione familiare.

Il menù include sia piatti della tradizione locale come gnocchi, tortelli, pasta fresca fatta in casa, sia piatti più particolari, difficilmente reperibili in zona, come appunto la carne di struzzo.

La cucina rispetta la stagionalità dei prodotti. In questo periodo autunnale, in cui abbiamo fatto visita, vi sono delle interessanti proposte, da provare sia alla carta, sia nella forma di menu degustazione.

Tra i primi piatti, vi dicevamo prima, spiccano i deliziosi gnocchi viola, rigorosamente fatti in casa, che devono la loro caratteristica colorazione alla cipolla rossa, accompagnata dal cacio piccante.

Vi è inoltre un’ampia varietà di risotti, in grado di soddisfare tutti i palati: risotto alla parmigiana, risotto con zucca e salsiccia, risotto con speck rucola e scamorza, o risotto allo zafferano, con scaglie di parmigiano e speck croccante.

L’Osteria La Mangiatoia ha concorso quest’anno all’assegnazione del Premio Tognazzi, organizzato dalla Strada del Gusto cremonese, presentando per l’occasione gli “gnocchi alla Tognazzi”, serviti con gorgonzola DOP malghese e pistacchi.

Con l’arrivo della stagione fredda, ritornano  nel menù i tipici piatti invernali, come brasato di manzo con polenta, i cappelletti emiliani, o il nodino di vitello ai funghi.

Difficilmente si trovano ristoranti che preparano la carne di struzzo, ma qui alla Mangiatoia viene cucinato in svariati modi: come filetto al pepe verde, come fagottino ripieno con prosciutto crudo e grana, oppure come un hamburger con verdure grigliate e patatine o, infine, come carne salata.

Protagonista della domenica, sia a mezzogiorno che a sera, è la torta fritta accompagnata dalle verdurine e dai salumi speciali con salame cremonese e spalla cotta di Parma.

Per chiudere il pasto ampia è la scelta anche di dessert tutti artigianali. Si spazia dal Tiramisù con Nutella, alle torte e ai semifreddi.

La sala dispone di una quarantina di posti a sedere, mentre all’esterno è possibile pranzare nel portico sia nel periodo estivo che nel periodo invernale, essendo lo steso chiuso da vetrate ed intimamente riscaldato da una stufa a pellet.

Che cosa aspettate ad andare alla Mangiatoia e a raccontare che vi mandano Marco e Antonio?

(Visited 20 times, 20 visits today)