Amianto in provincia, il problema irrisolto di varie zone da Trescore a San Daniele

Amianto in provincia, il problema irrisolto di varie zone da Trescore a San Daniele

Amianto. Problema difficile e spesso irrisolto, anche da noi. E’ di qualche giorno fa il clamoroso caso delle scuole di Trescore Cremasco:

trescore amianto

E di amianto cremonese si parla in parlamento tramite Danilo Toninelli del Movimento 5 Stelle.

Il sequestro a San Daniele Po di un’area di 2.500 metri quadrati del valore di due milioni di euro per sospetta presenza di amianto ad opera del Nucleo Operativo ecologico di Brescia, supportato dai carabinieri della stazione locale,  un fatto importante.  é una notizia che, se da un lato preoccupa, viste le terribili conseguenze che la presenza di amianto pu˜ aver provocato nella zona, dall’altro  positiva, in quanto rappresenta un basilare intervento di prevenzione per il futuro di una potenziale pericolosissima minaccia per l’ambiente e la salute dei cittadini del cremonese.  é un fatto importante, alla luce della situazione di insostenibile sottodimensionamento delle strutture che si occupano di problemi tanto seri: ho depositato lo scorso marzo un’apposita interrogazione in cui chiedevo al Governo di intervenire aumentando l’organico del Noe di Brescia. é inoltre positivo che dopo questo intervento, che  avvenuto grazie allÕazione diretta dei cittadini della zona che lo hanno sollecitato, i carabinieri abbiano rivolto un appello alla popolazione perchè segnalino casi analoghi.  Casi analoghi nel cremonese ve ne sono infatti numerosi, e anche se talvolta appaiono meno evidenti possono essere potenzialmente altrettanto pericolosi.  é il caso delle diverse discariche abbandonate, nelle quali la crescita della vegetazione pu˜ occultare la presenza di amianto, che pu˜ penetrare le falde acquifere con danni non minori di quelli provocati dalla dispersione delle polveri nell’aria.  Auspico quindi che lÕinteressamento delle autoritˆ locali (ARPA e ASL), della Procura di Cremona sul caso, e spero anche della politica locale, riporti allÕattenzione delle autoritˆ competenti casi come quello della discarica di Sergnano e delle altre che hanno valso al cremonese il nome di “terra dei fuochi” del Nord, casi che  importante non sottovalutare.

(Visited 48 times, 8 visits today)