Il Gruppo teatrale Le Piume di Treviglio in scena al Galilei di Romanengo sabato 14 aprile alle 21 con la commedia “Zona di transito”.

Il Gruppo teatrale Le Piume di Treviglio in scena al Galilei di Romanengo sabato 14 aprile alle 21 con la commedia “Zona di transito”.

Quinto appuntamento con la rassegna “Teatro è… dal territorio interventi in scena” sabato 14 aprile  alle ore 21 all’Auditorium comunale Galilei di Romanengo. Il Gruppo teatrale “Le piume” di Treviglio presenta “Zona di Transito”, una commedia in due tempi e un epilogo con la regia di Nora Oldofredi.

Ugo e Carmela conducono un’esistenza ‘normale’, hanno tacitamente accettato, con convinta rassegnazione, l’incomunicabilità che è scivolata silenziosamente e quasi inconsapevolmente nella loro vita di coppia. Hanno un figlio, Agostino detto Tinuccio, che deve completare gli studi e di cui si occupano e si preoccupano come tutti i genitori. C’è anche la presenza, forse un po’ ingombrante di Irma, madre di Ugo, che non nutre grande simpatia per la nuora. Tutto scorre tranquillamente fino  all’arrivo di Dolores e di Felicita, presaghe di un incombente evento che sta per sconvolgere la normalità dell’esistenza di questa famiglia. E in un attimo niente sarà più come prima. Ma per sapere l’accaduto è necessaria la partecipazione del pubblico sulle gradinate del teatro di Romanengo.

Sono in scena: Giusi Rossini veste I panni della moglie Carmela, Claudio Maglio è il marito Ugo, Federico Rozzoni è il loro figlio Agostino detto Tinuccio, Regina Bresciani è la suocera di Carmela, Maria Grazia Rossoni e Alessia Pasciuti sono le amiche di Carmela; infine Giambattista Mezzanotte interpreta la figura dello Spirito Guida. La regia è di Nora Oldofredi,  aiuto regista Gabriella Braga Morini e la scenotecnica è curate da Francesco Rossetti.

Il Gruppo, che si è formato più di 10 anni fa ed è diventato associazione culturale nel 2009, arriva per la prima volta al Galilei, con l’obiettivo di far vivere il Teatro, in un momento di grande trasformazione come quello che attraversiamo. Compito certamente arduo e difficile, fatto di lavoro e di passione per ricostruire il rapporto che lega tutti con il palcoscenico: coloro che raccontano storie e coloro che le ascoltano. Fra I precedenti lavori messi in scena ci sono: La Segretaria di Ginsburg, E’ tutta questione di corna di Achille Campanile, La palla al piede di Feydeau e Non ti pago di Eduardo De Filippo. La rassegna “Teatro è…”, alla sua prima edizione, è ideate e diretta da Fausto Lazzari e patrocinata dal Comune di Romanengo con la partecipazione della locale Pro Loco. (Ingresso 5 euro)

(Visited 134 times, 21 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *