Le petite noir, un luogo appartato

Le petite noir, un luogo appartato

Sembrerebbe una rissa tra sbandati finita tragicamente, ma l’esperienza c’insegna che nei luoghi fuori mano in genere ci s’incontra per regolare conti in sospeso. Accanto al cadavere è stata rinvenuta una bottiglia di birra rotta, con evidenti tracce di sangue sui bordi. Possiamo presupporre che il morto l’abbia spaccata sulla testa dell’avversario e questi, contemporaneamente, ha reagito affibbiandogli una coltellata nella pancia. Altre macchie di sangue ci dicono che l’omicida si è poi allontanato. Alla Centrale stanno chiamando tutti i posti di pronto soccorso.

Dal Policlinico ci è stato segnalato il ricovero di un giovane per trauma cranico. Si trova in rianimazione per gravi ferite lacero-contuse interessate da frammenti di vetro. Si chiama… O cazzo!

Prego?

Stesso cognome dell’accoltellato.

In Questura la madre rivelò che Bibì e Bibò erano figli suoi, gemelli. S’erano invaghiti della stessa donna, una poco di buono più grande di loro e se ne disputavano i favori.

E magari anche le rendite. Cercatela!

Scomparsa nella nebbia.

Beppe Cerutti

(Visited 39 times, 7 visits today)