May Rock, dal comune 7500 euro per la due giorni degli screamzini

May Rock, dal comune 7500 euro per la due giorni degli screamzini

Mi sono molto divertito quest’anno al May Rock, edizione di giugno. Due band che ho amato negli anni ’90 e una bella atmosfera al Parco Bonaldi. L’unica cosa che ci mi ha lasciato perplesso, lo avevo annotato nella recensione della manifestazione, l’intervento dell’assessore alla cultura Paola Vailati, tenuto a metà della prima serata. Un intervento accorato, emozionato, scritto, per cui anche soppesato e pensato, che in sostanza diceva: siete voi di Scream gli unici che invece di parlare molto, come fanno in tanti, sanno fare e organizzare un hel festival. Peccato che non sono stato pronto col cellulare a riprenderlo per avere le parole esatte. Ma la sostanza era quella.

Ora sull’Albo pretorio del comune di Crema è stata pubblicata la determina numero 528 che ci dice quanti soldi il comune di Crema mette per l’organizzazione del festival: sono 7500 euro. Che va benissimo, per carità. Però credo che ci siano diverse realtà cremasche che con quella cifra sarebbero state in grado di organizzare due belle serate. Mi risulta ad esempio che le sei serate di Summer Cream, quest’anno organizzate da Il Paniere, costeranno più o meno quella cifra, e di nomi eccellenti ne arrivano anche li. Per una volta non ce l’ho con gli screamzini, che per ora mi hanno regalato le due serate più belle dell’estate, le prossime mi sa che saranno quelle guys della birroteca, stando alle anticipazioni che ho sul programma (dai vi do un nome, i Selton il 31 agosto). Questo mi fa preoccupare. Non mi starò troppo ammorbidendo.

Emanuele Mandelli

(Visited 20 times, 1 visits today)