Non si può morire per colpa di treni fatiscenti. E non ci si può neppure ammalare

Non si può morire per colpa di treni fatiscenti. E non ci si può neppure ammalare

Non si può morire per colpa di una mancata telefonata, in un giorno torrido di luglio, in una parte di Puglia, terra fantastica che profuma di vino, mare, frutta e ulivi, causa un maledetto, terribile frontale tra due treni, lanciati a oltre 100 chilometri orari viaggianti, sullo stesso binario, nella medesima direzione.

Sì perché la malapolitica italica è anche questa, vale a dire una situazione ferroviaria, provocata appunto da secoli di non politica, in certi punti, in certe zone italiche, badate bene: Crema compresa, semplicemente vergognosa con treni vecchi, maleodoranti, puzzolenti, schifosi, sempre in ritardo, quando non soppressi che stressano, fanno ammalare, rallentano ritmi. E martedì scorso 12 luglio, tra Corato e Andria, quindi tra Bari e Barletta, i cosiddetti convogli ferroviari secondari hanno pure ucciso.

La penisola italica è anche terra di paradossi: da una parte con l’alta velocità, in meno di due ore, o poco più, da Milano si è a Firenze. Dall’altra, per andare per esempio da Crema a Milano in treno, beh occorre fare il segno della croce per scongiurare ritardi e le maledizioni dei pedoni, dei ciclisti e degli automobilisti bloccati, da quello stupido, anacronistico passaggio a livello sul viale di Santa Maria, strada che meriterebbe certamente maggiori fortune.

E senza dubbio, non si meritavano una brutta fine tutte quelle persone uccise, da un sistema trasporti schifoso, in Puglia, in un giorno qualunque di questa torrida, agrodolce estate. Eroi romantici e postmoderni i pendolari pugliesi, come quelli lombardi e italiani che tutti i giorni, su treni schifosi, tra un ritardo e uno sberleffo, sognano di volare via, dove almeno un treno sia pulito, sicuro, efficiente e puntuale.

Chiedono troppo? Non so. Intanto voi politici chiedetevi perché la maggioranza degli italiani, sottoscritto compreso, non va più a votare.

Stefano Mauri

(Visited 47 times, 10 visits today)