Susssurbacco, il Pinot Nero secondo la cantina Conte Vistarino, Eccellenza dell’Oltrepò Pavese

Susssurbacco, il Pinot Nero secondo la cantina Conte Vistarino, Eccellenza dell’Oltrepò Pavese

Nota a margine, o meglio, “introduzione” che è sempre buona cosa ricordare o, quantomeno ribadire: il Conte Carlo Vistarino, nel 1865, in quel dell’Oltrepò Pavese (terra interessante, splendida, “ricca”, ad alta potenzialità vinicola che… meriterebbe maggiore attenzione e soprattutto migliori interpretazioni) si mise in testa l’idea di vinificare secondo il Metodo Classico italiano.

E … da allora in tutta Italia iniziò ad affermarsi la qualità del Pinot Nero di Rocca de’ Giorgi: la località del Pavese ove, la cantina oggi rappresentata dalla splendida Donna Del Vino (o Divina che dir si voglia) Ottavia Giorgi Di Vistarino (Eccellenza italiana da esportazione e … soprattutto, modello, esempio che tutto l’Oltrepò dovrebbe seguire e con lei farsi sistema) recentemente rinnovata e ristudiata ha sede.

Ottenuto da uve Pinot Nero in purezza, il Pinot Conte (ehm … perdonate la ripetizione, ma nella fattispecie è doverosa, no?) Vistarino Brut in oggetto fermenta lentamente in autoclave per sei mesi. Cosa abbinarci? Da aperitivo (degustare per credere) incanta e non stanca, con gli antipasti si esalta, col pesce ci sta assai bene e … a tutto pasto non sfigura esaltandosi in modo elegante e con stile tutto suo.

Il colore? Giallo tenue. Il perlage? Fine e persistente. I profumi? Delicatamente floreali, freschi e lievemente minerali. Il sapore in bocca? Freschissimo, secco, piacevolmente agrumato (riporta agli agrumi), equilibrato, di buona struttura e acidità con lungo retrogusto. Insomma questo Pinot Made in Conte Vistarino della Tenuta di Rocca dè Giorgi, per farla breve è spumante dell’Oltrepò Pavese che tutti gradiremmo.

Stefano Mauri  

(Visited 67 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *