Sussurbacco, il Villa Gresti Eccellenza Enologica mondiale che arriva dal magico Trentino

Sussurbacco, il Villa Gresti Eccellenza Enologica mondiale che arriva dal magico Trentino

Assemblaggio di uve (le migliori della tenuta) Merlot (in prevalenza) e Carmenere, il Villa Gresti riunisce in se il carisma autorevole dei vini storici e la tipica, dinamica vitalità dei rossi rivisitati ottimamente in chiave moderna. Rosso attento, equilibrato, immediato, protagonista, vellutato, carezzevole, importante, avvolgente e coinvolgente, sì questo Villa Gresti (cantina Tenuta San Leonardo) dal finale deciso (la forza del Merlot alla lunga emerge) ha struttura magistrale, trama fitta, variegata e … si lascia degustare pure, lungimirante qual è, naturalmente … nel tempo col passare degli anni grazie ai quali evolve pienamente e densamente. E in questo mondo fluido questa caratteristica è un pregio da vantare.

Particolare non indifferente: la raccolta delle uve in condizioni di perfetta, ottimale maturazione avviene verso la fine di settembre, la cernita è rigorosamente a mano su tappeto, diraspatura e pigiatura delle uve (basso tenore di anidride carbonica) sono soffici. Fermentazione e maturazione delle vinacce durano per un lungo periodo con ripetute folature giornaliere. La sfecciatura del mosto, a freddo, ecco avviene per decantazione naturale. La maturazione? Concluso il processo fermentativo, in vasche di cemento inizia l’invecchiamento in barriques nuove da 225 litri e si conclude dopo circa 12 – 14 mesi.

Il colore? Rosso rubino intenso. I profumi? Ampi, travolgenti e riportanti a note di tabacco, vaniglia e note di cacao. Il sapore? Equilibrato, morbido, elegante, avvolgente con tannini vellutati e setosi: sì il Villa Gresti è da Oscar e fa emozionare, grazie di esistere.

Stefano Mauri 

(Visited 66 times, 4 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.