Finalmente la Vailati (ma era assessore?) parla da Komunista brava

Finalmente la Vailati (ma era assessore?) parla da Komunista brava

Detto che ho appreso solo adesso che la bella e brava Paola Vailati era l’assessore alla cultura della giunta Bonaldi, beh alla giovane, (la quale se proprio non si riconosceva nel centrosinistra che fu poteva pur sempre dimettersi), va il mio applauso per aver finalmente detto qualcosa da Komunista e di Sinistra.  Chapeau.

L’Italia ha bisogno di una vera sinistra, orfani del Bertinotti (che malinconia pensandolo ciellino conservatore) pensiero, i comunisti sinistroidi (perché poi hanno paura a definirsi tali, mah) vagano da una civica all’altra.

Ma … per fortuna esistono ancora i comunisti di una volta, che, proprio, come la Vailati, affermando di avere il cuore a sinistra (Bertinotti l’avrà al centro?) ecco hanno fatto giustamente e con orgoglio outing. E indirettamente, Paola Vailati ha collocato, a sinistra del Serio (più vicina a San Pietroburgo che a Putin però) la Lista Mimma Aiello. No?

Donato Da Orzi

(Visited 311 times, 3 visits today)